Translation(s): English - Español - Italiano

http://www.debian.org/logos/openlogo-nd-50.png http://www.debian.org/Pics/debian.png

Portal/IDB/logo_portal.png Benvenuti nel sistema X Window di Debian


Portal/IDB/icon-display-32x32.png Questo portale parla del sistema X Window (chiamato anche X11 o X). Potrebbe essere usato un linguaggio tecnico.

Per scoprire come configurare il desktop nel modo più semplice si veda il portale dell'ambiente desktop, dove si trovano articoli più approfonditi.


Il sistema X Window è ciò che fornisce l'interfaccia utente grafica a svariati sistemi Unix (compreso Linux).

Il sistema X Window include tutto ciò che dialoga direttamente con la scheda video, in termini semplici fornisce a Unix un'interfaccia utente grafica che permette un ambiente desktop.

A differenza di molti altri ambienti GUI dei vari sistemi operativi, X si comporta come un server. Questo significa che ogni programma con interfaccia grafica che si esegue è un client e vi è un'istanza del server X in esecuzione sul proprio computer.

Si potrebbe tracciare un parallelo tra l'uso di X e la navigazione web. In questo caso il server X in esecuzione sul computer è simile ad un server web su internet mentre il programma (ad esempio xmms) è come un browser web. Il programma client richiede una risorsa (cioè spazio sullo schermo) al server X e il server X gli fornisce l'accesso (a condizione che abbia ricevuto il permesso tramite il comando xhost).

Può sembrare eccessivo ma si consideri ciò che è possibile ottenere attraverso tale sistema. Si può eseguire un programma che richiede un uso intensivo di risorse su un server remoto con una CPU più potente e dare semplici istruzioni per inviare l'intero segnale grafico in uscita (cioè finestre, finestre di dialogo, ecc.) al server X della macchina locale per essere visualizzato sullo schermo. Di solito questo si ottiene impostando il valore "nome_macchina_locale:0.0" alla variabile DISPLAY, che invia tutte le informazioni sullo schermo 0 (ci possono essere più server X in esecuzione su un computer) e la tastiera 0 della macchina locale.

È possibile che ciò causi potenziali violazioni della sicurezza, ci sono casi noti in cui un hacker può intercettare attraverso la rete locale i tasti premuti sulla tastiera o inviare sequenze di tasti o di clic del mouse all'applicazione dell'ignaro utente.

(Qualcuno che sa come mettere al sicuro X potrebbe descrivere qui alcuni metodi di prevenzione)

In passato X si occupava soprattutto di disegnare qualsiasi immagine 2D necessaria, ora gli è stata data anche la possibilità di compiere parte del lavoro 3D a partire da XFree86 v4. Questo avviene attraverso un'interfaccia denominata GLX che è un livello sopra OpenGL di cui molte persone sono a conoscenza. Per effettuare queste chiamate 3D accelerate il più velocemente possibile Xorg ora usa DRI (Direct Rendering Infrastructure) per comunicare direttamente con la scheda video.


Storia

Collegamenti esterni


CategoryPortal | SystemAdministration | CategoryXWindowSystem