Differences between revisions 13 and 14
Revision 13 as of 2017-09-09 23:35:54
Size: 4569
Editor: Diego Alonso
Comment: added spanish translation link
Revision 14 as of 2017-09-17 14:59:35
Size: 4563
Comment: sync with english master
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 13: Line 13:
LightDM è stato introdotto in '''Wheezy''', è stabile abbastanza anche per l'uso in '''Jessie''' e '''Sid'''. LightDM è stato introdotto in '''Wheezy''', è stabile abbastanza anche per l'uso nell'attuale stable e '''Sid'''.
Line 15: Line 15:
Per installare lightdm in Wheezy, eseguire come utente [[it/Root|root]] Per installare lightdm, eseguire come utente [[it/Root|root]]

Translation(s): English - español - Français - Italiano - Svenska - 简体中文


LightDM è un Display Manager creato come alternativa relativamente leggera e altamente personalizzabile di GDM. È sviluppato da Robert Ancell presso Canonical e a tutti i contributori è richiesto di cedere i loro diritti d'autore a Canonical attraverso un Accordo di licenza per i contributori che permette la proprietarizzazione.

  • Nessuna dipendenza da Gnome
  • Usa WebKit per il rendering dei temi

  • Supporta GTK e Qt
  • Altamente personalizzabile (tema GTK di base, tema per unity in Ubuntu Precise)

LightDM è stato introdotto in Wheezy, è stabile abbastanza anche per l'uso nell'attuale stable e Sid.

Per installare lightdm, eseguire come utente root

aptitude install lightdm

Configurazione a livello di sistema

Il file di configurazione è /etc/lightdm/lightdm.conf; è raccomandato fare un backup del file di configurazione originale. In alternativa, creare /etc/lightdm/lightdm.conf.d/ e mettere lì i propri file di configurazione.

Per modificare il Display Manager predefinito eseguire

dpkg-reconfigure lightdm

Se si ha a che fare con LightDM per la prima volta è consigliato avere GDM, slim o un altro Display Manager installato come ripiego.

Visualizzare la configurazione attuale

Per vedere la configurazione in uso, eseguire

/usr/sbin/lightdm --show-config

Questo mostra le impostazioni attuali, con i file di configurazione da cui sono state lette le impostazioni.

Abilitare il login automatico

Cercare le righe seguenti nel file di configurazione di lightdm, decommentarle e personalizzarle sencondo le proprie preferenze.

[SeatDefaults]
#autologin-user=
#autologin-user-timeout=0

/!\ Notare che questo deve essere nella sezione [?SeatDefaults], non nella sezione [LightDM].

Abilitare la lista degli utenti

In modo predefinito, LightDM è configurato in modo che gli utenti debbano inserire il nome di login e la password. Il nome di login viene considerata un'informazione sensibile.

È possibile fornire all'utente la possibilità di selezionare tra gli account utente disponibili. Il nome di login usato più di recente verrà selezionato nella lista. L'utente deve comunque inserire la password per fare il login. Ciò fornisce un utile compromesso tra la sicurezza e la comodità per un sistema desktop ad un solo utente.

Per abilitare la lista degli utenti, mettere le impostazioni seguenti in /usr/share/lightdm/lightdm.conf.d/01_mia.conf:

[SeatDefaults]
greeter-hide-users=false

Cambiare lo sfondo della schermata di login

La schermata di login di LightDM GTK di Debian è configurata in /etc/lightdm/lightdm-gtk-greeter.conf. Lì si può vedere che l'immagine di sfondo punta a /usr/share/images/desktop-base/desktop-background, che è un collegamento simbolico gestito da update-alternatives.

Perciò, per modificare lo sfondo della schermata di benvenuto, il metodo migliore è trovare qualche immagina che di proprio gradimento in /usr/share/images/desktop-base/ e poi usare update-alternatives per modificare il gruppo desktop-background:

update-alternatives --config desktop-background

Configurazione per singolo utente

LightDM in sé non ha alcuna configurazione per utente. Una volta autenticati con nome utente e password, LightDM esegue una sessione X. Se si desidera configurare il proprio ambiente di login è necessario usare i file di configurazione per il tipo di sessione X che è configurato nel sistema, qualunque esso sia. In modo predefinito sarà la ?sessione X di Debian.

Vedere anche


CategoryBootProcess