Traduzione dei messaggi dei programmi

È disponibile la lista aggiornata di tutti i modelli po (di template debconf) traducibile presenti in Debian. Per la traduzione dei template debconf, è necessario fare riferimento alle indicazioni e procedura contenute nel sito Debian. Per quanto riguarda invece i file po upstream (cioè, non specificamente Debian) andranno seguite le ottime guide e la procedura riportate sul sito del Free Translation Project; tutte le traduzioni vanno inviate, per la revisione, a questa mailing list che rappresenta anche il punto di riferimento per quanto riguarda qualsiasi dubbio di traduzione.

Mini guida sulle traduzioni dei po-debconf

Estratto dal primo Translation Sprint del team italiano di traduzione Debian: Luca Bruno spiega brevemente cosa sono i po-debconf e come vanno tradotti

Un template debconf è, in pratica, quello che vi fa le domande in fase di configurazione di pacchetti quando installate o aggiornate un programma che ha bisogno di una configurazione iniziale. Il po-debconf comprende le traduzioni di tutte quelle stringhe nel formato po di gettext. Di solito si usano programmi che facilitano le traduzioni quali ad esempio gtranslator, kbabel o poedit. Esistono inoltre dei plugin per alcuni editor come Vim ed Emacs. Vediamo da vicino un po-debconf.

1  # This file is distributed under the same license as the linux-2.6 package.
2  # Luca Bruno <lucab@debian.org>, 2010.
3  msgid ""
4  msgstr ""
5  "Project-Id-Version: linux-2.6 2.6.32-27\n"
6  "Report-Msgid-Bugs-To: \n"
7  "POT-Creation-Date: 2010-11-01 10:31+0100\n"
8  "PO-Revision-Date: 2010-11-04 23:00+0100\n"
9  "Last-Translator: Luca Bruno <lucab@debian.org>\n"
10 "Language-Team: Italian <tp@lists.linux.it>\n"
11 "MIME-Version: 1.0\n"
12 "Content-Type: text/plain; charset=UTF-8\n"
13 "Content-Transfer-Encoding: 8bit\n"
14
15 #. Type: boolean
16 #. Description
17 #: ../linux-base.templates:2001
18 msgid "Update disk device IDs in system configuration?"
19 msgstr ""
20
21 #. Type: boolean
22 #. Description
23 #: ../linux-base.templates:2001
24 msgid ""
25 "The new Linux kernel version provides different drivers for some PATA (IDE) "
26 "controllers. The names of some hard disk, CD-ROM, and tape devices may "
27 "change."
28 msgstr ""

(sono stati aggiunti al file i numeri di riga per facilitare la spiegazione)

Nel po-debconf le righe che iniziano con il carattere # (cancelletto) sono commenti. Le righe dalla numero 3 alla numero 13 costituiscono l'intestazione del file, che approfondiremo tra un attimo. La parte commentata (righe 15-17) spiega dove si trova nel file sorgente il messaggio che andremo a tradurre e (più o meno) che tipo di linguaggio di programmazione è usato. Le righe dopo msgid e prima di msgtr costituiscono il messaggio originale da tradurre e sono racchiuse tra virgolette. Infine, le righe dopo msgtr, sempre racchiuse tra virgolette, sono quelle in cui va piazzata la traduzione: noi di fatto andremo a leggere il messaggio ed a riempire quelle virgolette dopo msgtr.

L'intestazione (righe 3-13) di solito è standard: bisogna assolutamente ricordarsi di segnarsi nel campo last translator con nome ed email perché questo consente di tracciare le assegnazioni e le nuove versioni. Un'altra particolarità interessante sono i fuzzy: non è questo il caso, ma può capitare di imbattersi in una traduzione fatta per metà e trovare dei messaggi fuzzy ossia tradotti in maniera semiautomatica da gettext, usando parti di traduzioni simili di altri messaggi. In questi casi potete tranquillamente decidere se tenere o scartare il suggerimento, finire di tradurre e rimuovere lo stato fuzzy (vari programmi lo fanno in automatico per voi).

Per approfondire

Si consiglia la lettura di alcune risorse utili, anche se non specifiche per la traduzione in Debian: