Differences between revisions 3 and 4
Revision 3 as of 2013-05-18 18:53:28
Size: 3431
Comment: minor fix
Revision 4 as of 2020-07-21 12:49:28
Size: 7791
Comment: sync with English master v. 10
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 7: Line 7:

= Fare il backup dei propri dati di Evolution =
== Backup e ripristino supportati da Evolution ==
Line 12: Line 11:
== Backup e ripristino manuali ==
Prima controllare i file e le directory per questa procedura. Sono cambiati nel corso degli anni!
Fondamentalmente genera un file archivio tipo {{{evolution-backup-20200527.tar.gz}}} contenente {{{~/.config/evolution}}} e {{{~/.local/share/evolution}}}.

== Migrare i dati di configurazione di Evolution ==

La migrazione dei dati di configurazione di Evolution da un'installazione ad un'altra non può essere fatta con un semplice "Backup e ripristino".

Ogni nuova installazione e nuova generazione di account (non aggiornamento) genera una stringa unica per ciascuna cartella di posta IMAP4 a cui si accede. Questa stringa viene usata nei dati di configurazione di Evolution come {{{account-uid}}}. La parte più noiosa è ripristinare i "Filtri dei messaggi". Rigenerare da zero "Filtri dei messaggi" creati attentamente per gestire molte mailing-list e ricevere rapporti su account è un compito ingrato che nessuno vuole fare.

Sebbene possa esserci un modo più pulito, l'autore di questa sezione ha potuto migrare {{{~/.config/evolution/mail/filters.xml}}} usando una singola invocazione del comando {{{sed}}}.

    * Passo 1: impostare le credenziali di accesso attraverso l'impostazione di GNOME per "Account online"

    * Passo 2: creare solamente 1 "Filtro per i messaggi" di test per ciascun account.

Per esempio {{{~/.config/evolution/mail/filters.xml}}} dovrebbe apparire come:
{{{
<?xml version="1.0"?>
<filteroptions>
  <ruleset>
    <rule enabled="true" grouping="all" source="incoming" account-uid="2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796">
      <title>Posta da FONTE FINTA</title>
      <partset>
        <part name="sender">
          <value name="sender-type" type="option" value="contains"/>
          <value name="sender" type="string" allow-empty="false">
            <string>noreply@regular-mail.com</string>
          </value>
        </part>
      </partset>
      <actionset>
        <part name="move-to-folder">
          <value name="folder" type="folder">
            <folder uri="folder://2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796/Announcement"/>
          </value>
        </part>
      </actionset>
    </rule>
    <rule enabled="true" grouping="all" source="incoming" account-uid="1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8">
      <title>savannah@ubg.org mailing list</title>
      <partset>
        <part name="mlist">
          <value name="mlist-type" type="option" value="is"/>
          <value name="mlist" type="string" allow-empty="false">
            <string>savannah@ung.org</string>
          </value>
        </part>
      </partset>
      <actionset>
        <part name="move-to-folder">
          <value name="folder" type="folder">
            <folder uri="folder://1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8/savannah%40ung.org"/>
          </value>
        </part>
      </actionset>
    </rule>
  </ruleset>
</filteroptions>
}}}
    * Passo 3: rinominare quanto sopra in {{{~/.config/evolution/mail/filters-ref.xml}}}
    * Passo 4: prendere il backup del proprio {{{~/.config/evolution/mail/filters.xml}}} dalla copia archiviata di backup e copiarla nel nuovo sistema come {{{~/.config/evolution/mail/filters-base.xml}}}. Supponiamo si sia trovato in essa {{{1234567890123456789012345678901234567890}}} e {{{0987654321098765432109876543210987654321}}} e si è identificata la loro corrispondenza in questo modo:
        * {{{1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8}}} <-- {{{1234567890123456789012345678901234567890}}}
        * {{{2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796}}} <-- {{{0987654321098765432109876543210987654321}}}
    * Passo 5: eseguire il seguente script.

{{{
 $ cd ~/.config/evolution/mail/
 $ sed -e 's/1234567890123456789012345678901234567890/1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8/g' \
       -e 's/0987654321098765432109876543210987654321/2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796/g' \
   < filters-base.xml > filters.xml
}}}
    * Optionalmente: si può applicare questo filtro manualmente sui messaggi di posta non ancora processati.

== Backup e ripristino manuali (contenuti obsoleti, necessitano di aggiornamento) ==
Prima controllare i file e le directory per questa procedura. Sono cambiati nel corso degli anni! (In Buster, sono usati {{{.config/evolution}}} e {{{.local/share/evolution}}}, perciò quanto segue è completamente obsoleto.)

Translation(s): English - Italiano


Backup e ripristino supportati da Evolution

A partire da Debian Wheezy Evolution ha una procedura di backup e ripristino incorporata. Nel menu scegliere File > Salva i dati di Evolution o Ripristina i dati di Evolution.

Fondamentalmente genera un file archivio tipo evolution-backup-20200527.tar.gz contenente ~/.config/evolution e ~/.local/share/evolution.

Migrare i dati di configurazione di Evolution

La migrazione dei dati di configurazione di Evolution da un'installazione ad un'altra non può essere fatta con un semplice "Backup e ripristino".

Ogni nuova installazione e nuova generazione di account (non aggiornamento) genera una stringa unica per ciascuna cartella di posta IMAP4 a cui si accede. Questa stringa viene usata nei dati di configurazione di Evolution come account-uid. La parte più noiosa è ripristinare i "Filtri dei messaggi". Rigenerare da zero "Filtri dei messaggi" creati attentamente per gestire molte mailing-list e ricevere rapporti su account è un compito ingrato che nessuno vuole fare.

Sebbene possa esserci un modo più pulito, l'autore di questa sezione ha potuto migrare ~/.config/evolution/mail/filters.xml usando una singola invocazione del comando sed.

  • Passo 1: impostare le credenziali di accesso attraverso l'impostazione di GNOME per "Account online"
  • Passo 2: creare solamente 1 "Filtro per i messaggi" di test per ciascun account.

Per esempio ~/.config/evolution/mail/filters.xml dovrebbe apparire come:

<?xml version="1.0"?>                                                                                                                                                                                              
<filteroptions>
  <ruleset>
    <rule enabled="true" grouping="all" source="incoming" account-uid="2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796">
      <title>Posta da FONTE FINTA</title>
      <partset>
        <part name="sender">
          <value name="sender-type" type="option" value="contains"/>
          <value name="sender" type="string" allow-empty="false">
            <string>noreply@regular-mail.com</string>
          </value>
        </part>
      </partset>
      <actionset>
        <part name="move-to-folder">
          <value name="folder" type="folder">
            <folder uri="folder://2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796/Announcement"/>
          </value>
        </part>
      </actionset>
    </rule>
    <rule enabled="true" grouping="all" source="incoming" account-uid="1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8">
      <title>savannah@ubg.org mailing list</title>
      <partset>
        <part name="mlist">
          <value name="mlist-type" type="option" value="is"/>
          <value name="mlist" type="string" allow-empty="false">
            <string>savannah@ung.org</string>
          </value>
        </part>
      </partset>
      <actionset>
        <part name="move-to-folder">
          <value name="folder" type="folder">
            <folder uri="folder://1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8/savannah%40ung.org"/>
          </value>
        </part>
      </actionset>
    </rule>
  </ruleset>
</filteroptions>
  • Passo 3: rinominare quanto sopra in ~/.config/evolution/mail/filters-ref.xml

  • Passo 4: prendere il backup del proprio ~/.config/evolution/mail/filters.xml dalla copia archiviata di backup e copiarla nel nuovo sistema come ~/.config/evolution/mail/filters-base.xml. Supponiamo si sia trovato in essa 1234567890123456789012345678901234567890 e 0987654321098765432109876543210987654321 e si è identificata la loro corrispondenza in questo modo:

    • 1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8 <-- 1234567890123456789012345678901234567890

    • 2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796 <-- 0987654321098765432109876543210987654321

  • Passo 5: eseguire il seguente script.

 $ cd ~/.config/evolution/mail/
 $ sed -e 's/1234567890123456789012345678901234567890/1111cfac43bb20c801706fcae158ef180fdba5e8/g' \
       -e 's/0987654321098765432109876543210987654321/2222b495c8d2ac7a7ae6fd18d7b684121919a796/g' \
   < filters-base.xml > filters.xml
  • Optionalmente: si può applicare questo filtro manualmente sui messaggi di posta non ancora processati.

Backup e ripristino manuali (contenuti obsoleti, necessitano di aggiornamento)

Prima controllare i file e le directory per questa procedura. Sono cambiati nel corso degli anni! (In Buster, sono usati .config/evolution e .local/share/evolution, perciò quanto segue è completamente obsoleto.)

Fare il backup dei propri preziosi dati è importante e difficile, specialmente in Evolution. Capire il vantaggio di una buona preparazione aiuta molto però. Testare le procedure di backup e ripristino su un account contenente solamente dati che possono essere gettati. Sì, TESTARE la procedura. Non è poi tanto utile avere buoni backup di ogni singolo giorno se la procedura di ripristino non funziona. Farlo ancora prima di iniziare a mettere tutti i propri dati su appuntamenti e la propria posta in Evolution. Se si sta usando Evolution già da un po' di tempo, fare il backup e il ripristino di un diverso account vuoto come procedura di test.

Backup

  1. Chiudere tutte le istanze di evolution, evolution-data-server e istanze relative con 'evolution --force-shutdown'. Verificare che tutto sia sparito con 'ps ax | grep evo'. Sciaquare e ripetere.

  2. Creare una directory di backup
  3. Copiare o comprimere i dati di gconf (~/.gconf/apps/evolution) nella directory di backup

  4. Copiare o comprimere la directory dei dati (~/.evolution) nella directory di backup

  5. Copiare o comprimere (si potrebbe anche cifrarlo) il file delle password nella directory di backup se si vogliono mantenere le proprie password. Saltare questo passo se il backup non è sicuro.
  6. Verificare il nuovo backup e controllare che ogni cosa sia al suo posto e tutto sia ok.

Quella che segue è una sequenza di comandi che eseguono i passi da 2 a 5:

DIR=~/evolution_backup_`date +%Y-%m-%d`
mkdir $DIR
cp -a ~/.gconf/apps/evolution $DIR/gconf_apps-evolution
cp -a ~/.evolution $DIR/dotevolution
cp -a ~/.gnome2_private/Evolution $DIR/passwords
tar cvj -C `dirname $DIR` -f $DIR.tar.bz `basename $DIR`
rm -rf $DIR

Ripristino

È una buona idea ripulire le tracce dei vecchi dati di evolution dall'account di cui si sta facendo il ripristino.

  1. Chiudere tutte le istanze di evolution con 'evolution --force-shutdown'. Verificare che tutto sia sparito con 'ps ax | grep evo'. Sciaquare e ripetere.

  2. Rimuovere ~/.evolution

  3. Rimuovere ~/.gnome2_private/Evolution

  4. Disimpostare tutti i valori di gconf relativi (/apps/evolution)

rm -rf ~/.evolution
rm ~/.gnome2_private/Evolution
gconftool --recursive-unset /apps/evolution

È tempo di ripristinare il vecchio backup. Trovare i dati di backup e copiarli al loro posto (nel caso dell'esempio precedente 'tar xvj -C ~/ -f ~/evolution_backup_2006-06-18.tar.bz' spacchetterà i dati).

DIR=~/evolution_backup_2006-06-18
cp -a $DIR/gconf_apps-evolution ~/.gconf/apps/evolution
cp -a $DIR/dotevolution ~/.evolution
cp -a $DIR/passwords ~/.gnome2_private/Evolution

Praticamente è tutto fatto... un'ultima cosa: tenere le dita incrociate al prossimo riavvio di evolution.