Translation(s): English - Français - Italiano



Il team Debian Live produce gli strumenti usati dal team Debian CD per produrre le immagini Live ufficiali di Debian (da stretch in avanti) e mantiene anche altri pacchetti che vengono usati per creare le immagini live.

Quando si avvicina un rilascio, il team Debian Live si coordina con il team Debian CD allo scopo di assicurare che il rilascio avvenga in maniera pulita e con il minor numero di problemi possibile.

Infrastruttura

Contribuire ao Debian Live

Contributi al progetto, come traduzioni e patch, sono non solo benvenuti, ma molto apprezzati.

È importante quando si invia un contributo, che sia software, documentazione o una traduzione, identificare chiaramente chi ne ha il copyright e includere ogni informazione di licenza applicabile (in inglese).

Per essere accettato un contributo deve essere distribuito con la stessa licenza del resto del pacchetto. Per la maggior parte dei pacchetti è la licenza GPL versione 3 o successiva, ma è BSD 2-clause per live-wrapper.

Sviluppo

Mentre nel passato il team Debian Live tendeva a non usare le risorse Debian per lo sviluppo, ora usa il Debian BTS e i sistemi di controllo delle versioni ospitati da Debian per tutto il lavoro di sviluppo di Debian Live.

Iniziare

Se ci si vuole subito buttare nello sviluppo, controllare la Debian Live Dashboard e guardare cosa ha bisogno di essere aggiustato. Se si individua un bug che si pensa di poter risolvere, inviare un email alla mailing-list o contattare il team via IRC. Se nessun altro sta già lavorando al problema, contrassegnarsi come assegnatario del bug e inviare una patch al BTS.

Cercare di fare sempre un uso ragionato e appropriato dei sistemi disponibili per discussioni, segnalazioni di bug e invio di patch, come descritto più avanti.

Segnalare bug

Se si trova un bug, è apprezzata la segnalazione agli autori. Creare una segnalazione di bug nel Sistema di tracciamento dei bug di Debian, ma per favore controllare che non ne esista già una per lo stesso problema. Documentazione su come inviare bug al BTS può essere trovata qui.

Tuttavia, se si desidera crea da soli una patch che risolve il problema, allora, a meno che non si preferisca prima discutere il problema, è tipicamente preferibile saltare la creazione della segnalazione di bug e inviare solamente una patch come richiesta di merge (MR) nel VCS basato sul web, sebbene sia possibile anche l'invio di patch come allegati alle segnalazioni di bug.

Notare che il BTS è un sistema di segnalazioni basato sulla posta elettronica, mentre la piattaforma VCS web è basata su gitlab (e ospitata da host Debian).

Contribuire al codice

Se si sta inviando una patch per un bug a cui è associata una segnalazione di bug, assicurarsi che il log di commit della patch termini con una riga nella forma "Closes: #XXXXXX" per aiutare gli strumenti di sviluppo ad automatizzare alcuni aspetti della segnalazione dei bug.

Includere anche hint "Gbp-Dch: ACTION" secondo quanto appropriato (vedere la pagina di manuale di "gbp-dch"), però non usare "Ignore" per i commit che hanno anche un hint "close", altrimenti questo non funzionerà

Evitare di mettere numeri di bug nei titoli dei commit e delle MR.

Se si desidera inviare una patch per qualcosa che non è un bug, evitare di creare una segnalazione di bug nel BTS, che è pensato, ovviamente, solo per la segnalazione di bug. Si può inviare una patch come MR nel VCS web o come patch inviata alla mailing list pubblica. Se si desidera discutere la modifica prima dell'invio, allora inviare una email alla mailing list.

Cercare di testare le patch prima di inviarle.

Se si invia una MR, assicurarsi di spuntare l'opzione "Allow commits from members who can merge to the target branch" (in "contribution") per aiutare a rendere più facile il lavoro di finalizzazione di qualsiasi preparazione (come il rebase) prima dell'unione.

Contribuire con grandi parti di codice

Se si desidera fare compiti di sviluppo più importanti, discuterli in anticipo nella mailing list.

Se si ha un grosso contributo da fare per il quale, per qualche motivo, non è avvenuta già una discussione simile, considerare di discutere la cosa con i membri del gruppo prima di creare grossi rapporti/MR, dato che può essere utile ad entrambe le parti nell'aiutare a coordinare il modo migliore di lavorare insieme per ottenere l'invio, la revisione e l'incorporazione.

Se si è un DD/DM e si desidera essere coinvolti maggiormente nello sviluppo dei pacchetti Debian Live, iscriversi al gruppo Salsa. Tutti i membri del gruppo Salsa hanno l'accesso con permesso di commit ai repository git, ma non inviare modifiche con push senza aver prima discusso la cosa con una delle persone assegnate al caricamento dei pacchetto nel cui repository si vuole fare il push.

Struttura del repository

I pacchetti Debian Live sono pacchetti nativi. Ciò significa che non ci sono rami "upstream" o "pristine-tar" e non vengono usate la patch quilt, a differenza della maggior parte degli altri team in Debian che pacchettizzano sorgenti di autori originali a monte.

Il ramo master contiene l'attuale lavoro in sviluppo. Etichette nella forma "debian/<rilascio>" contrassegno il commit di ciascun rilascio che è stato caricato in unstable.

Per la gestione dei backport e degli aggiornamenti di stable, possono essere creati, all'interno dei repository, rami chiamati "<nome-in-codice>-pu" per proposed-updates o "<nome-in-codice>-bpo" per i backport.

Documentazione

Esiste documentazione sia dentro ai singoli progetti (per esempio le componenti con le pagine di manuale di live-build nel repository live-build) sia nel blocco di documentazione dedicato live-manual. I contributi a questa documentazione possono essere fatti proprio come ogni altro contributo al codice.

Traduzioni

TODO:Questa sezione conterrà informazioni su come contribuire alla traduzione.

Usare GPG per verificare l'autenticità di immagini di CD Live

Dopo aver scaricato la ISO del CD Live Debian i file "*SUMS" e "*SUMS.sign" possono aiutare a verificare che l'immagine ISO scaricata sia stata creata da Debian.

Nella riga di comando, nella directory in cui è stata scaricata la ISO della Debian Live, e usando "SHA512SUMS" come esempio, convalidare "SHA512SUMS" con "gpg":

gpg --keyserver keyring.debian.org --verify SHA512SUMS.sign SHA512SUMS

Come in "https://www.debian.org/CD/verify", l'output del comando gpg precedente dovrebbe contenere:

gpg: Signature made Wed 21 Jun 2017 03:45:45 AM CDT
gpg:                using RSA key DF9B9C49EAA9298432589D76DA87E80D6294BE9B

Se l'output del comando gpg contiene le suddette righe "Signature made" e "RSA key", il file ISO stesso può ora essere convalidato. Perciò, continuando con l'esempio "SHA512SUMS":

sha512sum --ignore-missing -c SHA512SUMS

L'output del comando "sha512sum" qua sopra dovrebbe essere semplicemente:

debian-live-<versione-arch-e-ui-qui>.iso: OK

Se l'output del comando precedente conteneva "OK", c'è un buon livello di confidenza nel fatto che l'immagine ISO del CD Live Debian scaricata sia originata da Debian.

COSE DA FARE

Una lista di cose da fare è mantenuta in DebianLive/TODO allo scopo di evidenziare ogni compito che richiede immediata attenzione prima del triage del BTS. Più avanti la gestione delle attività verrà fatta usando il BTS.